Cairo contro la UEFA: “C’è poca democrazia”. E su Agnelli: “Dice una cosa, ne fa un’altra”

Sono parole molto dure quelle pronunciate oggi da Urbano Cairo. Il presidente granata è volato in giornata a Madrid, dove si è tenuto un incontro tra leghe e club europei. Oggetto dei discorsi? La creazione di una lega europea per i top club, che si disputerebbe nei fine settimana riducendo i campionati nazionali ad impegni infrasettimanali. Un’ipotesi che ha fatto decisamente arrabbiare tantissimi club europei, che si sono schierati contro l’ECA ed il suo presidente Andrea Agnelli.

CONTRO UEFA E AGNELLI

Chi non le ha mandate a dire è stato proprio Urbano Cairo. Queste le parole del presidente granata riportate dalla Gazzetta: “Il problema è che l’Eca non è rappresentativa dei suoi 109 club. Serve un nuovo sistema decisionale all’Uefa, oggi c’è poca democrazia e la commissione che propone le modifiche ha la maggioranza di rappresentanti dell’Eca. Vogliamo difendere i campionati e Tebas è la persona giusta. Anche oggi Andrea Agnelli ha parlato per pochissimi minuti e non ha detto nulla, ha detto ‘noi rappresentiamo tutti’, ma dice una cosa e ne fa esattamente un’altra. E’ una cosa molto grave”.

E tu, che ne pensi? Faccelo sapere lasciando un commento