Lopez torna Maxi: il Toro sbanca il Meazza




Come nello scorso campionato, anche quest’anno Milano, sponda nerazzurra, sorride al Toro. Ad inizio gara è il Toro a rendersi pericoloso per primo: al 5′ ottimo spunto di Belotti che mette in mezzo per Maxi Lopez, ma Handanovic è bravissimo ad anticipare in uscita bassa il numero 11 granata. La partita è molto equilibrata, fino al 16′, quando Guida assegna un rigore più che dubbio all’Inter. Dal dischetto si presenta Icardi, Padelli indovina l’angolo, ma il tiro è troppo forte per essere intercettato. Il copione della gara, al contrario di quanto sarebbe lecito aspettarsi, non cambia: l’Inter continua con uno sterile possesso palla e il Toro prova a ripartire in contropiede, ma non riesce a rendersi pericoloso.

BelottiNel secondo tempo è tutto un altro Toro. Al 51′ Bovo è bravissimo a mettere Belotti solo davanti ad Handanovic, ma il ‘Gallo’ centra in pieno il portiere nerazzurro.  Il pareggio granata arriva al 55′: Maxi Lopez è bravissimo a proteggere il pallone in area e servire Molinaro che sigla il gol del pari. Passano solo 2 minuti e Miranda, già ammonito, stende Belotti, rimediando il secondo giallo e lasciando l’Inter in 10. Al 68′ sono i padroni di casa ad andare vicini al vantaggio: sponda di Perisic, incornata di Icardi su cui è bravissimo Padelli. Pochi minuti dopo, al 72′, Maxi Lopez con una grande giocata trova Belotti che, solo davanti al portiere nerazzurro, viene steso da Nagatomo, che viene anche espulso. L’arbitro concede il rigore e, dagli undici metri, Belotti è bravissimo a spiazzare Handanovic. Al 93′ il Toro va vicinissimo al terzo gol: è solo il palo a fermare un grandissimo destro a giro di Baselli. Dopo un pericoloso calcio d’angolo in favore dei padroni di casa, al 95′ l’arbitro Guida determina la fine dell’incontro.

Grosso sospiro di sollievo per il Toro, che si riporta a +8 sul Palermo terzultimo e che potrà affrontare con maggior tranquillità questo finale di stagione, utile per valutare giocatori fino ad ora poco utilizzati.




E tu, che ne pensi? Faccelo sapere lasciando un commento